EMAS ed Ecolabel, quale futuro nel settore turistico?

Linee Guida SNPA

Il regolamento EMAS ed il marchio Ecolabel sono due strumenti Europei che consentono la gestione e la valorizzazione di imprese che desiderano ridurre il loro impatto ambientale ed aumentare la loro sostenibilità locale, anche per le imprese turistiche.

Il turismo è il settore che pesa per circa il 10% sul PIL europeo, è il terzo comparto a maggiore potenziale di crescita economica dell’Unione, un potente motore di sviluppo locale ed occupazionale dei Paesi Europei.

Il Sistema Nazionale per la Protezione dell’Ambiente, in collaborazione con ISPRA e le APPA/ARPA nazionali ha deciso di pubblicare delle Linee guida su EMAS ed Ecolabel nel settore del turismo

Questa pubblicazione mira a favorire la diffusione degli strumenti volontari promossi dall’UE EMAS ed Ecolabel UE nel settore turistico italiano partendo dagli obiettivi del quadro di azione comunitario del turismo europeo e dalle iniziative di successo già realizzate.

L'obiettivo più importante è quello il mettere a disposizione di tutti gli attori coinvolti nei piani di promozione dei territori a vocazione turistica una guida tecnico/operativa che: 

  • evidenzi i vantaggi dell’utilizzo integrato degli strumenti di certificazione ambientale per la qualificazione dell’offerta turistico-ricettiva,
  • passi in rassegna, in maniera critica, le principali iniziative intraprese nel corso degli anni dalla Commissione Europea, da ISPRA, dalla Rete delle ARPA/APPA, anche in collaborazione con altri soggetti,
  • ponga alcuni punti di sviluppo futuri volti a favorire la diffusione del turismo certificato EMAS-Ecolabel UE.

 

I possibili sviluppi futuri

 

Alcune azioni possibili da intraprendere al fine di favorire la diffusione del turismo “certificato”:

Il Sistema Agenziale potrebbe:

  • farsi portavoce presso i Ministeri/ Assessorati regionali di riferimento delle attività ed output della Rete dei Referenti, in tema EMAS/Ecolabel per il turismo,
  • istituire dei Tavoli di lavoro che coinvolgano le rappresentanze degli enti e delle strutture con l’obiettivo principale di sottoscrivere accordi di programma per scopi promozionali, in modo da coordinare ed ottimizzare i singoli contributi,
  • organizzare delle campagne di comunicazione ambientale, così come dei corsi di formazione, sulle certificazioni ambientali per il turismo volti ai portatori d’interesse pubblici e privati (ad esempio giornalisti in collaborazione con gli Ordini dei giornalisti regionali)
  • istituire un sistema di gemellaggi interni al sistema interagenziale per favorire la condivisione di esperienze e l’omogeneizzazione tra le ARPA/APPA,
  • rafforzare la partecipazione ai Club EMAS per sviluppare azioni di formazione e informazione presso tutti i Soggetti interessati e raccogliere le istanze delle organizzazioni che hanno aderito ai Regolamenti EMAS ed Ecolabel.

 

Le aziende di promozione turistica potrebbero:

  • definire pacchetti di vantaggi per le strutture certificate Ecolabel UE, da applicare in prima battuta ad alcuni territori pilota e poi da estendere a tutte le altre Regioni (ad esempio, convenzioni e scontistiche a favore degli ospiti delle strutture da parte di stabilimenti balneari, stazioni sciistiche, musei, parchi, agenzie di viaggio, etc),
  • dare maggiore visibilità alle organizzazioni del settore turistico in possesso della registrazione EMAS o del marchio Ecolabel UE, in particolar modo sui portali web.

 

Gli Enti Pubblici potrebbero:

  • offrire supporto tecnico alle strutture che vogliono ottenere o mantenere il marchio Ecolabel UE,
  • prevedere un adeguato sistema di benefici, incentivi ed agevolazioni (riduzione dell’imposta di soggiorno, riduzione della tariffa rifiuti, convenzioni con trasporti e servizi locali, etc…).

 

Gli enti pubblici registrati EMAS dovrebbero:

  • prevedere la promozione e l’incentivazione alla diffusione del marchio Ecolabel UE all’interno dei loro programmi ambientali, nonché in quelli delle Organizzazioni registrate EMAS che operano in ambito turistico,
  • creare una piattaforma online dedicata al turismo “certificato” EMAS-Ecolabel, costruita in modo user-friendly, col linguaggio accattivante del Web 2.0, che consenta anche meccanismi di prenotazione online (tipo Booking.com), oppure social (recensioni degli utenti, collegamento a profili Facebook, Twitter, canale YouTube, etc.).

 

Le risorse finanziare per sostenere le iniziative illustrate potrebbero provenire da budget interagenziali, programmi europei e fondi di sviluppo strutturale.

Le prospettive per uno sviluppo futuro dedicato alla valorizzazione di questi strumenti di sostenibilità sono molto interessanti ed alcuni possono essere applicabili anche nel breve periodo grazie ad una collaborazione attiva tra istituzioni e aziende di promozione turistica. Finalmente avere o meno la registrazione EMAS o il marchio Ecolabel diventerà un vantaggio competitivo per l'impresa.

Se sei una struttura turistica e desideri capire come poter aderire al Regolamento EMAS o al marchio Ecolabel, con tutti i rispettivi vantaggi che ne conseguono, contattaci e saremo lieti di capire come valorizzare al meglio la sostenibilità della tua struttura.