GreenCycle, il Comune di Trento e Informatica Trentina per l'economia circolare nell'arco alpino

Il progetto GreenCycle (EU Interreg Alpine Space) mira ad introdurre processi di economia circolare nelle città coinvolte sostenendo la cooperazione inter-settoriale, contribuendo a sviluppare strategie a basso impatto sull'ambiente e raggiungendo così un'ulteriore riduzione del 2-4% delle emissioni di gas serra.

Oltre alla gestione dei rifiuti, i settori focali sono: energia, acqua, mobilità e trasporti, edilizia e costruzioni. 

Iniziato il primo novembre 2016 e della durata di 3 anni, coinvolge Informatica Trentina ed il Comune di Trento (Servizio Urbanistica e Ambiente), insieme ai partner di altre 3 altre aree urbane dell’area alpina: la città di Friburgo (Germania), la città di Maribor (Slovenia) e la comunità dei Pays Viennois (Francia).

I principali obiettivi del progetto sono:

  • Sviluppo di strategie locali orientate all'economia circolare che consente di risparmiare energia, acqua, recuperare materie prime critiche, semplificare i trasporti, aumentare l'innovazione ambientale, creare posti di lavoro, linea con la priorità 2 del programma SPAZIO ALPINO. Le città come maggiori produttori di emissioni e più grandi consumatori di energia e materiali svolgeranno un ruolo pionieristico sviluppando strategie di implementazione dell'economia circolare in cui i gruppi di destinazione chiave (utilities, PMI, cittadini, organismi di ricerca) saranno attivamente coinvolti nel processo.
  • Sviluppo e collaudo di una toolbox (un'insieme di strumenti, documenti, informazioni) di supporto all'introduzione dell'economia circolare nelle città pilota. 
  • Realizzazione di una piattaforma web transnazionale, che comprenda un marketplace per lo scambio e la condivisione di informazioni, buone pratiche e soluzioni orientate all'economia circolare

 

Workshop a Progetto Manifattura

 

Venerdì 29 Settembre si è tenuto a Progetto Manifattura di Rovereto un workshop nell'ambito del progetto europeo GreenCycle. Il Comune di Trento dovrà definire ed adottare una strategia locale per l'economia circolare (prima bozza entro novembre 2017, versione definitiva entro febbraio 2018) anche in considerazione delle linee guida europee sull'argomento, ad oggi ancora in fase di discussione e previste per il 2018.

Qui alcuni momenti dell'evento in cui si introduce uno degli obiettivi più interessanti del progetto, creare un manifesto dell'economia circolare per l'arco alpino da far poi sottoscrivere ad aziende e Amministrazioni del Trentino.

 

 

 

 

 

 

Hanno portato la loro testimonianza, alcune realtà che sono partecipi all'interno di progetti europei dedicati all'economia circolare e alle smart cities: il progetto RETRACE Interreg Europe con Amina Pereno del Politecnico di Torino che, attraverso lo scambio e il trasferimento di buone pratiche e utilizzando l’approccio del design sistemico, affronta il tema della transizione verso il modello di Economia Circolare e Piero Pellizzaro, Project Assistant Manager per il Comune di Milano nel progetto sharingcities.eu che porta i temi della resilienza, come capacità di un ecosistema di adattarsi ai forti cambiamenti climatici, sociali, culturali, e dell’opportunità di valorizzare il cambiamento per la costruzione di nuovi organismi urbani, interconessi e dialoganti. 

Questo progetto, sarà quindi indubbiamente importante per lo sviluppo economico di una città e un territorio come quello trentino. Il progetto è molto ambizioso ma siamo sicuri che riuscirà a portare quell'innovazione e cambio di paradigma indispesabile per proiettare le scelte future delle amministrazioni locali in ottica di un percoso circolare.